Marche Ascoli Piceno pinacoteca
Ascoli Piceno

Cosa fare e vedere ad Ascoli Piceno

Ascoli Piceno, capoluogo dell’omonima provincia, è ricca di edifici, strade e piazze che ne raccontano la storia plurimillenaria: ad iniziare da Piazza del Popolo, luogo

Read More »
Calabria---Crotone---U-Cuadaru
Calabria

Cosa mangiare e bere a Crotone

La tradizione culinaria di Crotone è caratterizzata da prodotti semplici ma da sapori forti e genuini come il pecorino Crotonese, il pane di Cutro, esportato

Read More »
Toscana Prato Museo del tessile
cosa fare e vedere

Cosa fare e vedere a Prato

Nel centro storico del capoluogo di provincia spiccano per importanza il Castello dell’Imperatore, testimonianza di architettura sveva unica nell’Italia centro-settentrionale, il Duomo, che all’interno custodisce

Read More »

Villaggio Nuragico di Barumini

Villaggio nuragico Barumini

I nuraghi della Sardegna, di cui Su Nuraxi è un esempio, sono il meglio di quanto mai costruito a scopo difensivo considerando i materiali e le tecniche disponibili nella preistoria. Nell’età del bronzo (1500-800 a.C.), in Sardegna si sviluppano i “Nuraghi”, costruzioni a forma di cono tronco, in pietra, con camere interne. Alcuni, come il sito di Barumini, la cui torre centrale risale circa al II millennio a.C., sono circondati da recinti costituiti da torri collegate da grandi mura. Intorno alle difese, ci sono villaggi con piccole case a pianta circolare. Le strutture centrali vengono erette da singole famiglie o da gruppi, per difendersi dalle incursioni cartaginesi: infatti, i più grandi insediamenti nuragici si trovano in quell’area costiera, o sulla vasta pianura sulle coste situate ad est (come nel caso di Su Nuraxi), considerati più vulnerabili agli attacchi dal mare. I nuraghi diventano sia centri di difesa che piccoli insediamenti urbani, comunità autosufficienti con allevamenti, coltivazioni e artigianato. Nel VII secolo a.C., Su Nuraxi viene saccheggiata dai Cartaginesi e le opere di difesa cadono. Rimane l’insediamento, ricostruito con stile diverso: pietre più piccole e più stanze, anche esse di minori dimensioni. Con la conquista romana dell’isola nel II secolo a.C., la maggior parte dei nuraghi vengono abbandonati, anche se scavi recenti hanno trovato traccia di abitanti fino al III secolo d.C..

Piemonte Stresa
cosa fare e vedere

Cosa fare e vedere a Verbania

Elemento fondamentale a livello turistico, per la provincia, è rappresentato dal Lago Maggiore, le cui sponde con i caratteristici paesi rappresentano uno spettacolo unico. Centro

Read More »
Emilia Romagna Ferrara Salama da sugo
Emilia Rogna

Cosa mangiare e bere a Ferrara

La tradizione enogastronomica di questa provincia non può non essere legata alla presenza della famiglia Estense, che creò una cucina ricca ed elaborata fatta di

Read More »