Lazio Roma Carbonara
enogastronomia

Cosa mangiare e bere a Roma

La cucina tradizionale romana vanta piatti noti in tutto il mondo come i celebri bucatini all’amatriciana, che prevedono il guanciale tagliato a dadini e i

Read More »
Sardegna Sassari Cattedrale San Nicola
cosa fare e vedere

Cosa fare e vedere a Sassari

Sassari è città capoluogo di provincia, seconda solo a Cagliari per numero di abitanti, ed è stata eretta su una piattaforma calcarea digradante verso il

Read More »
Toscana Pistoia
Pistoia

Pistoia

La provincia di Pistoia si trova nella parte settentrionale della Toscana e comprende sia zone pianeggianti che collinari e montuose. È formata dalla Piana dell’Ombrone,

Read More »

Via Francigena o Via dei Pellegrini

GO-ON-ITALY cicloturismo in Piemonte via francigena via dei pellegrini

Grande classico del cicloturismo, quando si parla di “Via Francigena” si dovrebbe parlare al plurale, di “Vie Francigene” o di “Vie Romee” che erano, in origine, tutte le vie che da ogni parte dell’Europa consentivano a migliaia e migliaia di pellegrini di raggiungere Roma, un po’ come fossero i tanti affluenti di un solo fiume. La Via Francigena ha questo nome in quanto proveniva dalla Francia e utilizzava due valichi (non compresi in EV5) che sono il Moncenisio e il Monginevro, percorreva la Valle di Susa fino ad arrivare a Torino per congiungersi, infine, alla via proveniente da Canterbury. E proprio grazie ai tanti scambi di idee, visioni e culture di genti provenienti da più Paesi, lungo la Via Francigena nacquero mercati e insediamenti, e poi castelli, monasteri e chiese che, ancora oggi, sono oggetto di visite da parte di turisti. Oggi il percorso è pressoché totalmente segnalato e gli itinerari vengono presentati attraverso depliant, ma il fascino di questo itinerario è rimasto immutato. Il percorso si snoda dal confine francese, poco dopo il valico del Monginevro, a Oulx, e poi – sempre in discesa – a Salbertrand dove suggeriamo di visitare l’EcoMuseo (con la sua carbonaia, il mulino, la ghiacciaia e altre costruzioni in uso nel ‘700). Si prosegue verso Exilles, dominata dall’omonima fortificazione che, oggi, ospita il Museo della Montagna. Si scende ancora verso Chiomonte e, dopo aver oltrepassato le Gole della Dora, verso Susa, interessante per i suoi resti romanici. Poi ancora Bussoleno e Sant’Antonino di Susa: di qui parte una deviazione che porta alla famosa Sacra di San Michele (consigliata ai più “tosti” perché sono 15 km. di salita). Proseguimento per Sant’Ambrogio e- finalmente – Torino.

Villa d'Este
Italia

Villa d’Este

I giardini di Villa d’Este, tra i più belli d’Europa, sono uno dei simboli del rinascimento italiano. La residenza, voluta dal Cardinale Ippolito II d’Este

Read More »
Liguria La Spezia Manarola
cosa fare e vedere

Cosa fare e vedere a La Spezia

Il principale punto d’interesse turistico di La Spezia è il Castello di San Giorgio con l’annesso Museo del Castello Ubaldo Formentini, che dal 1873 viene

Read More »