Liguria Imperia Sardinara
enogastronomia

Cosa mangiare e bere a Imperia

La cucina ligure trova similitudine in tutta la regione, governata da erbe aromatiche, eccellente olio d’olive taggiasche e prodotti di mare e terra. Nell’imperiese vi

Read More »
Orto botanico Padova
Italia

L’orto botanico di Padova

Nato a Padova nel 1545 come centro dedicato esclusivamente alla coltivazione di piante che servivano per realizzare i “semplici”, soluzioni medicinali curative che provenivano direttamente

Read More »
Veneto Verona l'Arena
cosa fare e vedere

Cosa fare e vedere a Verona

Verona, capoluogo dell’omonima provincia e splendida città d’arte, è immersa fra le testimonianze di una storia millenaria: resti romani, vestigia medievali, influenze veneziane e impronte

Read More »

Parco Nazionale della Majella

Parco Nazionale della Majella

Il Parco nazionale della Majella è uno dei tre parchi nazionali dell’Abruzzo compreso tra le province di L’Aquila, Pescara e Chieti. Sessanta vette, trenta delle quali superano i 2000 metri: dopo il Gran Sasso, la Majella è la seconda cima appenninica con il Monte Amaro, alto 2793 metri. È il luogo ideale per il trekking grazie ai selvaggi valloni che percorrono i notevoli dislivelli della montagna. Il Morrone divide il centro del massiccio dalla conca di Sulmona; nella parte meridionale si trovano i monti Pizzalto e Rotella, il bosco di Sant’Antonio e i monti Pizzi e Secine. Numerose le tracce fossili degli antenati degli animali che oggi popolano l’area del parco, una volta sommersa dal mare: ammoniti, riudiste, nummuliti sino ai preziosi coralli. Il parco è un vero giardino botanico, ricco di rarità come l’Aquilegia della Majella o l’adonide curvata, oltre alla viola e al genepì. Tra i boschi prevalgono le faggete, i querceti di roverelle, cerri, carpini e ornielli e, alle alte quote, il raro pino mugo. Particolare è la fauna: 16 diverse specie di farfalle diurne, la quasi totalità di quelle in Italia. Tra i mammiferi l‘orso, il lupo e il gatto selvatico, oltre a cervi, caprioli e camosci. Lungo i fiumi Orta, Orfento e Vella si trova la lontra. Le specie più particolari sono la salamandrina dagli occhiali, l’ululone dal ventre giallo e la vipera dell’Orsini. Infine, fra gli uccelli, l’aquila reale, il lanario, l’astore, i picchi dorso bianco e muraiolo e il piviere tortolino.

Veneto Verona bollito con salsa pearà
enogastronomia

Cosa mangiare e bere a Verona

La tradizione enogastronomica veronese è ricca e rinomata in tutto il mondo, basata su piatti semplici ma raffinati. Nelle ricette tradizionali spesso sono presenti ingredienti

Read More »