Sicilia Enna Piazza Armerina Villa casale
cosa fare e vedere

Cosa fare e vedere ad Enna

Per la sua centralità geografica rispetto all’Isola, Enna, capoluogo dell’omonima provincia, viene definita “Ombelico di Sicilia” da un lato; mentre, per le incantevoli vedute, “Belvedere

Read More »
Toscana Lucca tordelli al ragù
enogastronomia

Cosa mangiare e bere a Lucca

Ottima la cucina lucchese, fondata su piatti semplici ma gustosi e basati su antiche tradizioni. Elemento molto utilizzato in questa cucina è il farro sia

Read More »
GO-ON-ITALY panorama di Pinerolo
Piemonte

Pinerolo

L’area turistica vasta e varia si estende dalla pianura dove si trova l’importante polo commerciale e culturale di Pinerolo fino alle tre valli verso il

Read More »

Parco Nazionale del Vesuvio

Parco Nazionale del Vesuvio

Il Parco Nazionale del Vesuvio è stato istituito il 5 giugno 1995 per il grande interesse geologico, biologico e storico che il suo territorio rappresenta. Il Parco nasce anche dall’esigenza di difendere il vulcano più famoso del mondo: il Vesuvio, tipico esempio di vulcano a recinto costituito da un cono esterno tronco, insieme al Monte Somma, oggi spento con cinta craterica in gran parte demolita entro la quale si trova un cono più piccolo rappresentato dal Vesuvio, ancora attivo.
Il parco è ricco di organismi vegetali e animali; quasi un migliaio le specie floreali, ad iniziare dalle pendici del Vesuvio che ospitano pinete mediterranee; per proseguire con quelle del Somma, esposte a nord e quindi più fresche con la presenza di boschi misti di castagni, betulle e Querce. La fauna è rappresentata da un simpatico topo quercino che riesce a sopravvivere senza la coda e da rapaci come il falco pellegrino e la poiana.
Il territorio, ricco di bellezze storico-naturalistiche, vanta una produzione agricola unica per varietà e originalità di sapori. Infatti, il clima e il suolo lavico ricco di minerali, hanno reso le pendici del vulcano coltivabili dall’antichità. Numerose sono le varietà di alberi da frutto che crescono in queste pendici ma le peculiarità rimangono le uve Falanghina, Piedirosso e Coda di Volpe che derivano dalle antiche vigne romane e si sommano per dare vita al celebre Lacryma Christi, bianco e rosso.

Veneto Belluno
Belluno

Cosa fare e vedere a Belluno

Belluno, capoluogo dell’omonima provincia, definita la “porta delle Dolomiti”, si trova in una posizione rialzata che domina il corso del fiume, rendendo la città nel

Read More »
Veneto Vicenza Villa Valmarana
cosa fare e vedere

Cosa fare e vedere a Vicenza

Vicenza e la sua provincia sono state arricchite da uno dei più grandi architetti del Rinascimento che ha lasciato il segno nell’assetto urbano fra palazzi,

Read More »