Sicilia Siracusa teatro greco
cosa fare e vedere

Cosa fare e vedere a Siracusa

Città di mare e di antiche origini, Siracusa è il punto da cui partire per esplorare l’omonima provincia. Allungandosi sul mare con l’Isola di Ortigia,

Read More »
Piemonte Novara
Novara

Novara

Già parte della storica regione dell’Insubria, abitata dagli Insubri fino dal IV secolo a.C., la provincia di Novara è nata dalle divisioni della provincia di

Read More »
Abruzzo

L’Aquila

La provincia dell’Aquila si trova nel cuore dell’Abruzzo ed ha il territorio più vasto rispetto alle altre province, senza affacciarsi sul mare. La maggior concentrazione

Read More »

Necropoli Etrusche di Cerveteri e Tarquinia

Necropoli di Cerveteri

Le necropoli di Tarquinia e Cerveteri sono un’eccezionale testimonianza della civiltà etrusca, l’unica civiltà urbana nell’Italia preromana. Le scene quotidiane presenti nelle tombe e nei sepolcri raffigurano case dipinte e mostrano questa cultura perduta. La necropoli di Cerveteri (Banditaccia) presenta le prime tombe monumentali del VII secolo a.C., mentre le tombe più antiche risalgono al IX secolo a.C. Gli Etruschi apparvero nell’Italia centrale nel IX secolo a.C., ma l’origine esatta di questo popolo è sconosciuta, nessun gruppo umano con le stesse caratteristiche sociali ed etniche esisteva in Europa o in Asia. Gli Etruschi parlavano una lingua non indoeuropea, la cui origine è sconosciuta. I due cimiteri hanno caratteristiche molto diverse, che riassumono la cultura funebre di questo popolo. Le vaste necropoli di Cerveteri, con migliaia di tombe, sono organizzate sul modello di una mappa di una città con strade, piazze e quartieri. I tipi di tombe variano considerevolmente a seconda del periodo e dello stato della famiglia. Le più antiche sono ricavate da una fossa nel tufo contenente un ossario, o terracotta, contenente le ceneri del defunto. I più caratteristici sono i tumuli di terra accessibili da un corridoio (dromos) e scavate nella pietra, che possono ospitare numerose tombe. Uno dei più noti, a partire dal VII secolo a.C., è la fossa scavata nel tufo che riproduce con precisione tutti gli elementi architettonici di un vero edificio: il tetto di paglia poggia su una trave centrale e delle panche situate lungo le sue mura. Queste tombe sono il miglior esempio dell’architettura domestica Etrusca. La più famosa tra le migliaia di tombe di Banditaccia è la tomba dei Rilievi, del IV secolo a.C., accessibile da un lungo corridoio: questa vasta sala sotterranea poggiante su due pilastri, contiene 13 doppie nicchie. Le pareti delle tombe sono completamente ricoperte di stucchi dove sono riprodotti numerosi oggetti della vita quotidiana o religiosa, ma anche armi. La necropoli di Tarquinia è famosa per le sue tombe dipinte, che sono state scavate nelle rocce e dove si accede attraverso un corridoio inclinato o una scala. La maggior parte delle tombe, predisposta per un paio di defunti, è costituita da un’unica camera funeraria. La tomba delle Leonesse, originaria del VI secolo a.C. è una piccola stanza situata sul tetto a due falde, caratterizzata da dipinti di uccelli in volo, delfini e scene della vita aristocratica etrusca. La tomba di caccia e pesca è composta da due sale: la prima presenta delle scene di danza in un bosco sacro e i proprietari della tomba al banchetto mentre la seconda delle scene di caccia e pesca.

Puglia Bari Orecchiette cime di rapa
Bari

Cosa mangiare e bere a Bari

Se dovessimo eleggere un piatto come simbolo della cucina barese sceglieremmo sicuramente le orecchiette con le cime di rapa (pasta fatta in casa fatta con

Read More »
Sicilia Enna Piazza Armerina Villa casale
cosa fare e vedere

Cosa fare e vedere ad Enna

Per la sua centralità geografica rispetto all’Isola, Enna, capoluogo dell’omonima provincia, viene definita “Ombelico di Sicilia” da un lato; mentre, per le incantevoli vedute, “Belvedere

Read More »