Cosa mangiare e bere a Matera

La tradizione enogastronomica della provincia di Matera ha molti piatti che risultano essere comuni anche ad altre zone come la Puglia o la confinante provincia di Potenza. E’ una cucina povera negli elementi ma molto forte nei sapori in quanto viene usato come condimento sia il peperone che il peperoncino piccante. Tra i primi piatti sono sempre in evidenza le orecchiette, pasta tipica fatta in casa che vengono condite con il sugo di pomodoro o con le verdure come le cime di rapa, i broccoli ed i cavolfiori oppure con i funghi “cardoncelli”, di cui la zona è un gran produttore. Sempre tra i primi piatti troviamo il “cialled”, una zuppa preparata con il pane raffermo, patate, cipolle, pomodori e uova. In cucina sono molto usate le carni di maiale, di pecora e di capra molto spesso cotte alla brace, soprattutto nel periodo pasquale. Sempre in periodo pasquale vengono cucinati i “pirc’dduzz”, pasta a pezzetti condita con il vino cotto. Altro piatto tipico sono le fave bianche e cicorie e la rafanata, una frittata preparata con il rafano della Val d’agri che d’ un sapore forte ed intenso. Tra i formaggi tipici abbiamo il caciocavallo, con la caratteristica forma a sacchetto. Numerosa la varietà dei dolci a base di fichi, fichi d’india e miele di cui la regione è una gran produttrice.