Cosa mangiare e bere a Forlì-Cesena

La tradizione enogastronomica di questa provincia ? caratterizzata da piatti semplici e contadini, tra cui spicca la cultura della pasta all’uovo fatta in casa, impiegata per i cappelletti ripieni, i passatelli, il pasticcio alla romagnola e le tagliatelle. Per quanto riguarda i secondi predomina il maiale cucinato in tutti i modi possibili; il coniglio ed il pollame in generale, col pollo allo spiedo in primo luogo, oppure al forno o arrosto. In alcuni ristoranti ed osterie del cesenate ? possibile ancora assaggiare gli antichi piatti tradizionali come le rane in umido o le chiocciole impanate e fritte o in umido. Fra i piatti di pesce troviamo sardoncini, acciughe, paganelli, sgombri, mazzola e canocchie. Regina della tavola in Emilia Romagna e presente anche in questa provincia ? la piadina, accompagnata col formaggio squacquerone, e con i salumi. Il dolce tipico ? la ciambella, sia quella caratteristica col buco, sia quella lunga e le frappe sono tipiche del periodo di carnevale. Ottimi i vini come l?Albana, il Sangiovese, il Trebbiano, il Pagadebit, il Cagnina.

Condividi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Focus

Related Posts

Cosa fare e vedere a Nuoro
Nuoro viene considerato il cuore dell’isola, una cittadina chiusa tra...
Cosa mangiare e bere a Reggio Calabria
La tradizione enogastronomia di Reggio Calabria è molto varia, comprendendo...
Cosa fare e vedere a Trapani
La città di Trapani oltre che il capoluogo di provincia...
Cosa fare e vedere a Cremona
La città di Cremona conserva meglio delle altre città lombarde...
Cosa fare e vedere a Benevento
Il glorioso passato di queste terre si riflette completamente nel...
Cosa mangiare e bere a Rieti
Numerosi sono i piatti nati da ricette antiche e caratterizzati...