Aosta

Cosa fare e vedere ad Aosta

La città di Aosta fonda le sue origini nel periodo dell’antico Impero Romano. Di tale periodo possiamo ammirare l’Arco d’Augusto, la Porta Pretoria e l’antica

Read More »
Emilia Romagna Forlì Cesena maiale al forno
Emilia Romagna

Cosa mangiare e bere a Forlì-Cesena

La tradizione enogastronomica di questa provincia è caratterizzata da piatti semplici e contadini, tra cui spicca la cultura della pasta all’uovo fatta in casa, impiegata

Read More »
Liguria Genova
Genova

Genova

La provincia di Genova è un mix di turismo d’alto spessore, d’imprenditoria eccellente, di caratterialità, di paesaggi incantevoli e di urban style d’avanguardia. Inizialmente la

Read More »

Il Castello di Montà d’Alba

Castello di Montà d'Alba

Montà o Montà d’Alba è un comune italiano nella provincia di Cuneo in Piemonte che per la sua posizione geografica prende il nome di “la Porta del Roero”.
Il Roero è una terra di armoniose colline dove il sole tramonta lentamente sulle città e sui campi e insieme a Langhe e Monferrato è sito patrimonio dell’UNESCO. In particolare è celebre per le sue “rocche”, una frattura del terreno di circa 32 km che si estende lungo il paesaggio collinare del Roero da Bra a Cisterna d’Asti. L’ecosistema è caratterizzato da diversi microclimi distribuiti in poche centinaia di metri di altitudine, un affascinante patrimonio naturalistico tutto da scoprire.
Il castello di Montà d’Alba, situato nella parte più alta del paese e originario del XII secolo, era un piccolo castello in mattoni con torri tonde, fossato e ponte levatoio. Successivamente l’edificio passò ai Roero che acquistarono il feudo di Montà nel 1363 e ne ampliarono le dimensioni. Nel 1441 il castello venne acquistato dai Malabaila e successivamente dagli Isnardi che nel Seicento modificarono gran parte dell’edificio perdendo alcuni elementi significativi come il ponte levatoio e il fossato per assumere l’aspetto di una residenza signorile ma mantenendo la facciata in mattoni presente tuttora.
Il castello è circondato da un parco millenario, un giardino all’inglese, il cui ecosistema è perfettamente equilibrato ed incontaminato dove è possibile ammirarne la bellezza naturale. L’edificio è inoltre caratterizzato dalla presenza di numerosi affreschi alcuni risalenti al periodo ottocentesco, dalle prigioni nella torre circolare in cui filtrano sottili raggi di luce nelle prime ore del mattino e da una suggestiva balconata panoramica sulle Langhe. Oggi è un importante punto d’incontro per cerimonie, eventi, feste e degustazioni grazie alle meravigliose sale decorate, il parco ed il suggestivo panorama sulle colline.

Sardegna Sassari Pane frattau
enogastronomia

Cosa mangiare e bere a Sassari

Sassari deve le sue tradizioni e la sua identità culinaria fortemente legata alla terra ed a tutto ciò che essa produceva e produce tutt’ora. Utilizzando

Read More »
Emilia-Romagna---Bologna---Tortellini
Bologna

Cosa mangiare e bere a Bologna

La tradizione enogastronomica bolognese è considerata tra le migliori d’Italia. Regina della tavola è la pasta all’uovo, ad iniziare dai famosi tortellini, con un ripieno

Read More »

Pin It on Pinterest

Share This