Cosa fare e vedere ad Avellino

Capoluogo dell’omonima provincia, Avellino, dalla met? del 1300 fu dominata dagli spagnoli, in particolare dalla famiglia Caracciolo che la trasform? in un centro di cultura e arte. Numerosi i monumenti e gli edifici ad iniziare dal centro della citt? dove risiede uno degli edifici pi? importanti, Palazzo Caracciolo, della seconda met? del ?700. Promossa a simbolo della citt?, l?imponente Torre dell?Orologio ? una costruzione barocca situata in piazza Amendola, alta 40 metri, quasi a testimoniare come nel ‘600 la citt? avesse gi? raggiunto un notevole livello culturale ed artistico. Altri punti di interesse turistico sono il Duomo di Santa Maria Assunta del 1100, di gusto romanico, contenente al suo interno le reliquie di San Modestino patrono della citt?; la chiesa di Santa Maria delle Grazie adiacente al Convento dei Cappuccini, entrambi in cima alla collina. Residenza nobiliare realizzata alla fine del Cinquecento in stile rinascimentale ? invece il Casino del Principe adibita ad oggi a pinacoteca ricca di opere d?arte. Da visitare anche il Museo Irpino dove sono raccolti e custoditi numerosi reperti archeologici della storia dell?Irpinia nel periodo preistorico, sannitico e romanico. Nel resto della provincia, rilevanti sono il Museo Abbaziale del Santuario di Montevergine di Mercogliano con reperti e opere dell?altrettanto celebre Santuario di Montervergine; il Museo della ceramica di Calitri; il Museo di San Francesco dei frati minori di Montella.