Cosa fare e vedere a Venezia

Venezia è una città unica al mondo, ricca di storia ed arte; pare quasi impossibile pensare di non visitarla almeno una volta nella vita. Fra chiese, palazzi, antichi ponti, monumenti e piazze, la città rappresenta un punto fermo del turismo italiano ed è un vero e proprio gioiello famoso ed apprezzato in tutto il mondo. Non poteva non essere inserita fra i siti dell’Unesco come Patrimonio dell’Umanità nel 1987. Nota come la “città dei ponti”, si estende lungo le foci del Po e del Piave e si è sviluppata storicamente in una delle più potenti città di tutto il Mediterraneo, ovvero la Serenissima Repubblica di Venezia. Tutto parte dal cuore del capoluogo, ovvero dalla splendida Piazza San Marco, circondata da opere di eccezionale valore come l’imponente Campanile e la Basilica, uno dei più importanti monumenti architettonici del mondo. Costruita per ospitare le reliquie di San Marco recuperate dai mercanti veneziani da Alessandria d’Egitto, offre un affascinante mix di stili ed ornamenti unici al mondo come il soffitto, un insieme di mosaici in oro e bronzo. Da non tralasciare il Palazzo Ducale simbolo dei tempi d’oro della Serenissima, la Torre dei Mori più nota come Torre dell’Orologio e l’Ala napoleonica dove ha sede il Museo Correr. La Serenissima era governata dal “Doge” e il Palazzo dei Dogi era la loro base e si ammira ancora oggi affacciato sulla laguna e su un lato della Piazza San Marco: all’interno sono presenti preziose opere d’arte, tra cui quelle di Tintoretto, Tiziano, Veronese. Un vero e proprio museo a cielo aperto, è possibile ammirarlo in battello o in gondola lungo le acque del Canal Grandeche inizia a Punta della Dogana, l’antico porto della Serenissima, oggi adibito a Centro d’Arte Contemporanea. Senza tralasciare la Collezione Peggy Guggenheim esposta a Palazzo Venier de’ Leoni: la più prestigiosa raccolta di opere d’arte del XX secolo. Altre importanti sedi museali sono le Gallerie dell’Accademia, ospitate dal maestoso complesso della Scuola Grande de la Carità che comprende anche l’omonima chiesa e il monastero e Ca’ Rezzonico, uno dei più bei palazzi rinascimentali sede del Museo del Settecento veneziano. Nell’antico palazzo signorile Ca’ d?Oro è esposta una preziosa collezione di arte con opere della scuola veneta. E ancora, da non perdere è la visita al più grande Arsenale del mondo, edificato nel XII secolo la Scuola San Giorgio degli Schiavoni. Attraverso il Ponte del Rialto, simbolo eterno della città, si giunge sul lato destro del Canal Grande dove segnaliamo alcuni dei “campi” più famosi di Venezia, circondati da famosi edifici religiosi e palazzi signorili come San Rocco dove si trova una delle antiche Grandi Scuole di Venezia e la Basilica Santa Maria Gloriosa dei Frari uno dei più importanti complessi francescani, San Sebastiano, San Pantalon, San Nicolà dei Mendicoli con una delle chiese più antiche della città e Santa Maria della Salute. Mentre, attraversando il famoso Ponte dei Sospiri, si arriva nel sestiere (distretti tipici di Venezia che in tutto ne comprende 6) di Castello ricco di capolavori architettonici e artistici, dove è possibile ammirare la chiesa dei Santi Giovanni e Paolo, dove si svolgevano i funerali di Stato, la chiesa di Santa Maria dei Miracoli, la chiesa di San Zaccaria, la chiesa di San Giovanni in Bragora e la chiesa di Santa Maria. Celebri in tutto il mondo sono le isole che circondano Venezia: Burano una tavolazza di colori a cielo aperto, con facciate delle case a ridosso dei canali e famosa per la produzione dei merletti, Murano famosa per la lavorazione del vetro, da visitare per il Museo dell’arte Vetraia, Torcello che ha dato vita a Venezia oltre 1500 anni fa e nota per l’antica Cattedrale di Santa Maria Assunta e la chiesa di Santa Fosca. Altre isole sono Pellestrina caratterizzata da dune sabbiose ed alti canneti, l’isola di Mazzorbo e l’isola di San Francesco del Deserto, quest’ultima abitata da sempre da una decina di frati francescani. Nel resto della provincia fra le località costiere segnaliamo Jesolo, centro turistico noto per la vita notturna, Caorle con i suoi stretti vicoli, Bibione, con la sua pineta che si allunga fino alla spiaggia e Cavallino.

Condividi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Focus

Related Posts

Cosa mangiare e bere ad Aosta
Il prodotto simbolo della regione ? sicuramente la Fontina della...
Cosa mangiare e bere a Matera
La tradizione enogastronomica della provincia di Matera ha molti piatti...
Cosa mangiare e bere a Catania
I frutti di mare sono gli indiscutibili protagonisti della cucina...
Cosa fare e vedere a Sondrio
Capoluogo della provincia, Sondrio si trova allo sbocco della Valmalenco,...
Cosa fare e vedere ad Ancona
Ancona, capoluogo dell’omonima provincia si trova sul promontorio del Monte...
Cosa mangiare e bere a Trento
La cucina trentina è una delle più saporite d’Italia e...