Cosa fare e vedere a Ravenna

Ravenna, capoluogo dell?omonima provincia, ? considerata una delle citt? pi? interessanti dell?Emilia Romagna, soprattutto per il complesso di monumenti paleocristiani e bizantini che la caratterizzano, essendo stata per secoli al centro del mondo, prima come capitale dell?Impero Romano d?Occidente, con Teodorico Re dei Goti, poi come centro dell?Impero Bizantino. La citt? ? stata apprezzata da moltissimi artisti e letterati come Oscar Wilde, Lord Byron e Dante, del quale si pu? visitarne la Tomba, tempietto in stile neoclassico che conserva le ossa del sommo poeta italiano, che mor? a Ravenna nel 1321. I protagonisti assoluti sono i celebri mosaici che riflettono la storia antica della citt?, lavori di perfezione tecnica incredibile e che caratterizzano i siti patrimonio dell?Umanit? dell?Unesco, in tutto otto: la Basilica di San Vitale, il Mausoleo di Galla Placidia, i Battisteri degli Ariani e degli Ortodossi, la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo e in Classe, la Cappella Arcivescovile e il Mausoleo di Teoderico. Oltre a questi monumenti si consiglia di proseguire la visita con la centrale Piazza del Popolo segna il centro storico della citt? con il Palazzo del Governo, oggi sede della prefettura che occupa i due terzi della piazza e Palazzo del Municipio, fronteggiato da due colonne veneziane di granito. Per quanto riguarda le localit? costiere si consigliano Marina di Ravenna e Cervia, localit? di vacanza tra le pi? rinomate; Milano Marittima, uno dei pi? frequentati centri balneari della costa romagnola, ricca di locali notturni. Mentre, l?immediato entroterra che abbraccia Cervia e Milano Marittima, ? caratterizzato dagli specchi d?acqua dell?antichissima salina e dalla famosa Pineta di Cervia. E ancora, Faenza ? famosa in tutto il mondo per l?antica tradizione della lavorazione artigiana delle maioliche e delle ceramiche alle quali hanno dedicato dal 1908 il Museo Internazionale delle Ceramiche. Nel comune di Russi ? possibile ammirare la villa romana di et? augustea e a Lugo, il Pavaglione, costruito a partire dal 1771 e completato nel 1784 da Giuseppe Campana, ? un imponente quadriportico, che sorge nel sito di un pi? antico loggiato tardo-cinquecentesco, per le esigenze del mercato dei bozzoli del baco da seta.

Condividi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Focus

Related Posts

Cosa fare e vedere nel Sud Sardegna
Nel capoluogo di Iglesias si segnalano numerosi monumenti e chiese...
Cosa mangiare e bere a Bari
Se dovessimo eleggere un piatto come simbolo della cucina barese...
Cosa fare e vedere a Belluno
Belluno, capoluogo dell’omonima provincia, definita la “porta delle Dolomiti”, si...
Cosa fare e vedere a Sassari
Sassari è città e capoluogo di provincia, seconda solo a...
Cosa mangiare e bere a Benevento
Frutto di antiche e consolidate tradizioni enogastronomiche, la provincia offre...
Cosa mangiare e bere a Pordenone
La cucina tipica di Pordenone è un mix tra le...