Sicilia Messina pasta ncasciata
enogastronomia

Cosa mangiare e bere a Messina

La cucina della provincia di Messina è senza dubbio stata influenzata dalle varie vicende storiche susseguitisi sull’isola: dai greci, agli arabi, ai normanni, molti sono

Read More »
Abruzzo

L’Aquila

La provincia dell’Aquila si trova nel cuore dell’Abruzzo ed ha il territorio più vasto rispetto alle altre province, senza affacciarsi sul mare. La maggior concentrazione

Read More »
Umbria Perugia Basilica di Santa Chiara
cosa fare e vedere

Cosa fare e vedere a Perugia

Il centro storico della città di Perugia è un vero e proprio borgo medioevale, ricco di monumenti da ammirare. Ad iniziare dal Palazzo dei Priori,

Read More »

Cosa fare e vedere nel Medio Campidano

Sardegna Medio Campidano Sanluri

La provincia di Campidano è un territorio tutto da scoprire, dalle bellissime spiagge, alle miniere, alle pianure sconfinate e selvagge sino agli altopiani della Giara. Quest’ultima è una vasta zona proprio nel cuore della Sardegna e offre numerosi siti archeologici e nuragici, alcuni dei quali presenti nel Parco della Giara. Fra gli altri parchi da segnalare si trova il Parco Geominerario storico ed ambientale della Sardegna, ricco di numerosi siti minerari suggestivi e di grande bellezza. Il Massiccio di Linas si estende per gran parte del territorio ed è ricoperto da foreste secolari e meravigliose cascate come quella di Sa Spendula. I piccoli borghi di Collina e Sanluri, espressione dell’architettura tradizionale, sono ricchi di abitazioni in pietra locale e mattoni con le classiche tegole sarde; oltre a numerosi edifici religiosi di stili diversi dal barocco a quello rinascimentale, da visitare si consiglia il Castello di Sanluri, il castello meglio conservato della Sardegna, contenente fra gli arredi una scrivania appartenuta a Napoleone Bonaparte. A Lunamatrona, posizionato in un anfiteatro naturale di basalto rosso è situato il Museo naturalistico Sa Corona Arrubia, a cui è affiancata la suggestiva seggiovia panoramica che permetterà di vedere dal vivo tutto ciò che si è appreso dal museo. L’eccezionale sito archeologico denominato “Su Nuraxi” è uno degli esempi più completi e meglio conservati di nuraghe, risalente a circa 3500 anni fa e situato sulla collina di Barumini.