GO-ON-ITALY Valdobbiadene e strada del prosecco patrimonio unesco
Friuli-Venezia Giulia

La strada del Prosecco patrimonio UNESCO

I colli di Conegliano e Valdobbiadene, situati nell’alta Marca trevigiana, a nord della provincia di Treviso, sono diventati il 55° sito italiano patrimonio mondiale dell’Umanità

Read More »
Parco Nazionale del Vesuvio
Campania

Parco Nazionale del Vesuvio

Il Parco Nazionale del Vesuvio è stato istituito il 5 giugno 1995 per il grande interesse geologico, biologico e storico che il suo territorio rappresenta.

Read More »

Chiesa di S. Maria delle Grazie e Cenacolo di Leonardo da Vinci

Santa Maria delle Grazie

Sorge nel cuore di Milano un imponente complesso architettonico contente all’interno una fra le più celebri opere al mondo. Si tratta della Chiesa di Santa Maria delle Grazie, legata indissolubilmente all’affresco di Leonardo da Vinci: il Cenacolo. Importantissima testimonianza di arte rinascimentale, la Chiesa custodisce nel refettorio l’eccezionale opera di Da Vinci, artista universalmente riconosciuto per l’incredibile genio creativo. Nel 1460, il conte Gaspare Vimercati, comandante delle milizie di Francesco Sforza, donò ai Domenicani una cappella con affrescata l’immagine della Madonna, detta “delle grazie”, perché fossero costruite una chiesa e un convento. Successivamente per volontà di Ludovico il Moro, che la volle come mausoleo per la propria famiglia, furono apportate delle modifiche attribuite al Bramante. Oggi, la chiesa presenta sui due fianchi sette cappelle quadrate per ciascun lato, realizzate dal Solari ad eccezione dell’ultima a sinistra, dedicata alla Vergine delle Grazie; mentre, il convento, articolato attorno a tre chioschi, è costituito, a nord, dal fianco nord della chiesa, mentre sugli altri tre lati si trova un portico di colonne con capitelli gotici a foglie lisce. Il lato sud è invece interamente occupato dal refettorio, contenente sia la Crocefissione, un’opera di Donato Montorfano, insieme al Cenacolo Vinciano. Quest’ultimo si basa sul Vangelo di Giovanni, nel quale Gesù annuncia che verrà tradito da uno dei suoi apostoli con la tecnica “a tempera”, per dare libero sfogo alla sua creatività.

Molise Isernia caciocavallo
enogastronomia

Cosa mangiare e bere a Isernia

La tradizione enogastronomica di questa provincia è caratterizzata da piatti semplici e genuini di origine contadina. Inoltre, il territorio è ricco di tartufo nero e

Read More »
Emilia Romagna Ferrara Salama da sugo
Emilia Rogna

Cosa mangiare e bere a Ferrara

La tradizione enogastronomica di questa provincia non può non essere legata alla presenza della famiglia Estense, che creò una cucina ricca ed elaborata fatta di

Read More »