Fare e vedere in Ogliastra

Fare e vedere in Ogliastra

Due sono i capoluoghi di questa provincia con molti siti di interesse turistico da visitare, ad iniziare dai palazzi sette-ottocenteschi di Tortoli come il Palazzo Vescovile e la Cattedrale di Sant’Andrea, il principale luogo di culto cattolico in pieno centro storico. Nel secondo capoluogo, Lanusei è invece possibile recarsi alla Cattedrale di S. Maria Maddalena, dei primi del Novecento, alla Chiesa di S. Giovanni Bosco e al Museo diocesano dell’Ogliastra. Fra i siti archeologici di maggiore interesse troviamo i Nuraghe, antichissime costruzioni, molte delle quali visitabili come il complesso di Serbissi molto ben conservato; le domus de janas, tradotte con “casa delle fate”, tombe scavate nella roccia caratterizzate dalla presenza di tre grandi stalagmiti che secondo il mito sarebbero tre fate pietrificate; i Pozzi Sacri, luoghi di culto antichissimi, costituiti da una scalinata che conduce ad una falda acquifera sotterranea. Infine, le celebri Tombe dei Giganti, siti archeologici che furono teatro di antichi rituali legati al culto della morte e dell’aldilà. Le coste sono caratterizzate dalla presenza di alcune calette raggiungili solo a piedi o via mare e spiagge di diversi tipi: con sabbia bianca e fondali bassi come il Lido di Orrì, Foxilioni, Golfetto; caraibiche nella scogliera del Golfo di Orosei come Cala Mariolu, Cala Goloritzé, Cala Luna; di porfido rosso come Marina di Gairo, Su Sirboni, La Caletta e spiagge di ciottoli come Coccorocci.

Pin It on Pinterest

Share This