Cosa fare e vedere a Reggio Emilia

Cosa fare e vedere a Reggio Emilia

Reggio Emilia, capoluogo dell’omonima provincia, è una ricca città d’arte con un grande patrimonio artistico e storico. Il cuore della città è la Piazza Camillo Prampolini, dove risiedono i più importanti edifici civili e religiosi fra cui il Duomo al cui interno si trova la seicentesca Cacciata dei Profani dal tempio di Orazio Talami. Sulla piazza si erge anche la statua del Cròstolo, dedicata ad uno dei torrenti della provincia. Attiguo al Battistero c’è il Palazzo del Comune, con la sala del Tricolore, dove nel 1797 i rappresentanti di Reggio, Modena, Ferrara e Bologna si riunirono nella sala dichiarando il Tricolore bandiera della Repubblica Cispadana. Da non perdere il Teatro Municipale Valli, centro della vita culturale della città e oggi intitolato all’attore reggiano Romolo Valli. Poco distante si trova un altro teatro della città: Teatro Ariosto. Mentre, in Piazza del Monte è situato il Palazzo del Monte di Pietà. Tra gli edifici religiosi si segnalano la Basilica di San Prospero, la Chiesa di S. Agostino e il Santuario della Beata Vergine della Ghiara, decorato da numerosi affreschi di grandi artisti, tra cui un’opera del Guercino. Nel resto della provincia si consiglia di recarsi a Reggiolo per ammirare la suggestiva Rocca con il torrione; a Correggio da non perdere sono il rinascimentale Palazzo dei Principi con lo splendido portale ed il museo civico all’interno, la Basilica dei SS Quirino e Michele e le numerose ville dei dintorni. Fra i borghi si segnala inoltre Quattro Castella che prende il nome dai quattro castelli situati su altrettanti colli: Monte Vetro, Monte Bianello, Monte Lucio e Monte Zane. Senza tralasciare Guastalla, con il Duomo ed il Palazzo Ducale e Scandiano con la Rocca dei Boiardo. Infine, da non perdere, è ciò che riguarda il paese di Canossa che un tempo era al centro della politica europea. Nonostante le poche strutture architettoniche, fra cui i resti del Castello di Canossa, uno dei più celebri possedimenti della contessa, meritano di essere approfondite in questi ambienti molto affascinanti e suggestivi.

Pin It on Pinterest

Share This